banner attivita eventi

Sharing with AfricaOgni anno, nel mese di maggio, i giovani di New Humanity (GMU) promuovono la Settimana Mondo Unito, il grande contenitore di iniziative per promuovere la fraternità universale in tutto il mondo. Quest'anno il lancio della Settimana ha coinciso con un grande evento a Nairobi dal 25 aprile al 5 maggio legato al Progetto Sharing with Africa, promosso dai GMU del continente africano.

pdf  Presentazione evento Sharing with Africa a Nairobi

Dal 1996 la Settimana Mondo Unito vede i GMU protagonisti delle più varie iniziative per incidere sull’opinione pubblica degli oltre 180 Paesi in cui sono presenti e testimoniare insieme che costruire un mondo unito è possibile. È una proposta alle città, alle istituzioni, a tutti, per promuovere la fraternità e la pace ad ogni livello. Essa è parte dello United World Project, attraverso il quale la sezione giovanile di New Humanity intende fare della fraternità il nuovo cardine di ogni ambito della conoscenza umana.

Sharing with Africa 2Questa diciottesima edizione si è voluta concentrare in particolare sul continente africano, dove i GMU sono in particolare i promotori del progetto Sharing with Africa e, attraverso questo, a promuovere lo spirito dell'Ubuntu, il proverbio africano tradotto con l'espressione "io sono perché noi siamo", base della cultura comunitaria africana.

A Nairobi, dal 25 aprile al 5 maggio, un centinaio di giovani provenienti da 29 nazioni africane e non solo, si sono dati appuntamento per riflettere su tale principio e interrogarsi su come concretizzarlo nelle proprie realtà. Non sono poi mancati momenti di turismo, condivisione e azioni concrete a favore del popolo africano.

La Settimana Mondo Unito è poi proseguita in ogni angolo del pianeta dal primo all'11 maggio, con un grande fiorire di iniziative negli ambiti della politica, dell’economia, del lavoro, della salvaguardia dell’ambiente, dello sport, della comunicazione, della scienza, dell’arte.

A Mumbai (India) ad esempio, sono state ridipinte le mura di un quartiere, devastato dai monsoni, insieme ai ragazzi di un orfanatrofio colpito, e con una ONG locale sono stati piantati oltre 200 alberi. A New York (USA) una “Walkathon” nel quartiere di Harlem ha incoraggiato i giovani ad abbandonare la vita sulla strada. “Noi continuiamo ad amare” è il motto dei giovani di Bangui (RCA) che hanno condiviso con centinaia di rifugiati nei campi profughi non solo viveri e materiale scolastico, ma testimonianze, musiche, pensieri sull’arte d’amare, medicina per le ferite profonde di chi ha perso tutto. Ad Abidjan (Costa d’Avorio), hanno riflettuto su “Solidarietà, misura della coesione africana”, valore a rischio di scomparsa, e sono entrati in relazione con un villaggio di lebbrosi, Marchoux, trasmettendo speranza al capo villaggio e agli abitanti. A Parigi (Francia) il tema "Bridging Cultures" ha preso in considerazione l'obiettivo e il progetto dell’Europa. In Portogallo, a Abrigada, concerti, workshops e forum erano incentrati sulla regola d’oro, chiave per la fraternità universale. A Tagaytay (Filippine) le attività hanno avuto un carattere sportivo mentre ad Onitsha, Abuja e Jos (Nigeria) si sono svolte attività legate all’accoglienza delle diversità. Un concerto si è tenuto ad Ambatondrazaka (Madagacar) con un migliaio di giovani. Loppiano (Italia) si è trasformata poi in una grande piazza (#Spiazzaci) per dare visibilità a un’Italia diversa con le iniziative in corso su Legalità, Dialogo interreligioso e Immigrazione.

Per saperne di più leggi anche:

Progetti internazionali - Sharing with Africa

Settimana Mondo Unito 2014

www.facebook.com/y4uw.international?fref=ts

  • Simple Item 3
  • Simple Item 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Contatti

contatti Scrivici

Trovi qui i nostri contatti

sitemapMappa del sito

vedi la struttura del sito per trovare quello che cerchi

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.